La stufa KACHELOFEN in muratura

La Fabbrica di Forlì delle stufe Becchi
Stufe Becchi, una storia da non dimenticare
19/03/2018
La stufa a legna di una casa in maiolica
Stufe: come pulirle
16/04/2018
Mostra tutti
Stufa Kachelofen costruita in terra cruda a forma di abbraccio

Leader indiscussa  nel riscaldamento ad irraggiamento con basse emissioni di Co2 ottimale resa termica ed un consumo di combustibile contenuto, da stufa, realizzata in passato in economica muratura è diventata, grazie a rivestimenti di pregio, uno splendido articolo di arredamento in grado di riscaldarci.

Concepita intorno al 1500 la Kachelofen è un prodotto da riscaldamento (stufa) costruita interamente in mattone refrattario e terra cruda.

Le sue doti principali sono: ottima resa termica, capacità di asciugare gli ambienti e contenuto consumo di combustibile (legna).

La Kachelofen è di solito dotata di uno sportello di generose dimensioni così da poter avere una visione panoramica delle fiamme come fosse quasi un camino.

La Kachelofen non necessità di griglie sul piano fiamme, il fuoco arde su un piano di lastre refrattarie.

Esternamente le Kachelofen non raggiungono temperature molto elevate, i loro rivestimenti restano tiepidi e non esiste alcun pericolo anche per i più piccoli di ustionarsi o farsi delle scottature accidentali.

La funzione fondamentale di una Kachelofen è la rapida diffusione del calore nella casa, sono quindi di fondamentale importanza rivestimenti ad elevate prestazioni termiche, magari coniugati con un design di tendenza.

All’interno il refrattario svolgerà egregiamente la sua funzione di assorbire calore e poi lentamente rilasciarlo.

Da questo insieme armonico di materiali ed arte antica deriva la sua capacità di diffondere calore, asciugare l’ambiente, rendere la vostra casa gradevole, il tutto con un basso consumo di legna a favore di minori quantità di Co2 nell’aria e di polveri sottili.

Ultimo ma non ultimo la Kachelofen necessita per le sue caratteristiche di una manutenzione molto ridotta (Gli Spazzacamino non ne sono molto contenti! 😉 ).

I consumi di una Kachelofen sono davvero interessanti, parliamo di circa 10/15 kg di legna al giorno.  Si tratta ovviamente di legna approvvigionata da almeno 2 anni e tenuta in luogo asciutto e coperto.

Se la legna è ben stagionata la Kachelofen offre una resa termica più che buona e di un discreto risparmio economico.

Per l’alimentazione di una kachelofen una alternativa per i più pigri possono essere i tronchetti di legna a condizione però che siano di ottima qualità e non presentino al loro interno collanti o residui di precedenti lavorazioni.

Come una tradizionale stufa ad irraggiamento la Kachelofen rilascia il calore nell’ambiente sotto forma di raggi infrarossi, questo significa che anche con temperature  esterne piuttosto rigide la Kachelofen è comunque in grado di rendere i vostri ambienti gradevoli per una vita sociale.

La Kachelofen infine asciugando gli ambienti in maniera statica non muove le polveri che a volte creano irritazioni alle vie respiratorie e alla gola.

Spendere cifre importanti per acquistare una Kachelofen non è difficile , per i modelli più grandi ed accessoriati, possiamo dover staccare assegni con quattro zeri. Viste le cifre in gioco un accessorio da non sottovalutare è lo scambiatore per la produzione di acqua calda. Scambiatore che poi magari andremo a collegare ad un serbatoio coibentato che ci tenga l’acqua sanitaria prodotta in temperatura a lungo.

Non sono al corrente se alla Kachelofen sia possibile collegare uno scambiatore per poterla usare per alimentare  i nostri radiatori presenti nelle stanze adiacenti.

La Vostra Kachelofen vi verrà costruita direttamente in casa in 8/10 giorni circa (avrete così il piacere di vederla nascere)

Il costruttore solitamente un esperto artigiano vi consiglierà anche sui tempi tecnici di manutenzione, questo per far si che la vostra Kachelofen possa lavorare a lungo in maniera ottimale rendendo così la vostra casa ancora più accogliente sana e bella.

Non sappiamo e non vogliamo consigliarvi una ditta in particolare o un artigiano più bravo di un altro. Possiamo però dirvi, in quanto soci Assocosma, e sostenitori, che contattando Assocosma in base alla vostra zona di residenza sapranno sicuramente indicarvi una o più aziende in grado di rispondere alle vostre esigenze.

Io una Kachelofen la prenderei in considerazione, voi che ne pensate?

Ecco alcuni esempi di Kachelofen

La Kachelofen in maiolica verde bottiglia                            Una Kachelofen moderna simile al camino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *