La fotosintesi inversa

Il ricercatore David Cannella

Chi è l’Italiano che l’ha scoperta, che cosa è e quali vantaggi  porterà al settore delle energie rinnovabili?

David Cannella, l’uomo che ha scoperto la fotosintesi inversa è un ricercatore 32enne originario di Tivoli, che dal 2010 si è trasferito a Copenaghen. Laureato all’Università “La Sapienza” di Roma, quando era ancora uno studente si divideva tra lezioni di Biotecnologie e il lavoro nell’azienda di famiglia,  inizia poi a lavorare in una piccola azienda vicino Roma in cui si facevano progetti con fondi europei che però secondo il 32enne venivano sprecati e decide quindi di partire, perchè qui in Italia a causa di macchinari non proprio all’avanguardia i risultati non sempre arrivavano. Così nel 2010 inizia ad inviare curriculum all’estero fino ad imbattersi in un dottorato all’Università di Copenaghen, dove il suo progetto ‘La fotosintesi inversa’, viene selezionato e finanziato.

La fotosintesi inversa fa diventare la paglia biocombustibile

 

La fotosintesi inversa è un modo per creare energia pulita

Con una combinazione di elementi del tutto naturali come ossigeno, materiale vegetale, raggi solari e clorofilla si possono ottenere biocarburanti in modo molto più veloce rispetto a prima. Gli enzimi usano l’ossigeno atmosferico e i raggi solari per rompere e trasformare i legami di carbonio, nelle piante. Secondo questo processo, la luce del sole da sola è sufficiente a facilitare la produzione dei biocarburanti dalla paglia o dal legno.

Nell’aprile 2016 il suo nome, insieme a quello del suo team di ricerca dell’università danese, è comparso sulla rivista Nature Communications: l’articolo ha avuto moltissime condivisioni e David ha ricevuto chiamate da tutto il mondo, addirittura dagli Stati Uniti e dalla Svezia per conoscere meglio l’evoluzione la ricerca.

Cannella è appassionato del suo lavoro e gli piacerebbe continuare a fare ricerca e riuscire a creare una collaborazione tra Italia e Danimarca per riuscire ad ottenere nuovi finanziamenti anche per formare nuovi giovani ricercatori. Andar via dall’Italia per David è stato davvero difficile, ma la sua forte passione e voglia di lavorare lo hanno portato fuori perché qui era impensabile per lui realizzarsi professionalmente in mancanza di fondi, strutture e strumentazione.

L'etanolo è un biocarburante distributore

Una volta messo a punto, il processo abbatterebbe i costi di bioetanolo ed altri combustibili rinnovabili, rendendo di fatto attraenti prodotti che oggi non riescono ad emergere a causa dell’alto costo dei loro combustibili ecologici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *