Incentivi conto termico 2.0

Il rudere di una stufa a legna

Cos’è il conto termico e come ottenere i rimborsi previsti

 

Una moderna caldaia a pellet

Un moderno impianto a biomassa

Il conto termico 2.0 (modificato e rivisto nell’anno 2016) prevede un rimborso sulle spese sostenute, sino al 65% per coloro che comprano stufe, caldaie, inserti camino di ultima generazione alimentati a legno, cippato e pellet in sostituzione di impianti ormai vecchi ed obsoleti.

Il rudere di una caldaia a gasolio

Una caldaia a gasolio di vecchia generazione altamente inquinante

Differenze con l’eco bonus

È diverso dall’eco bonus che mette in campo agevolazioni fiscali sull’acquisto, anch’esse sino al 65% ma che richiede che il nuovo impianti sia parte di un progetto di miglioramento delle prestazioni energetiche dell’abitazione.

Il conto termico, che è alternativo all’eco bonus, ha come primo requisito l’acquisto di una caldaia a biomassa o di una pompa di calore in sostituzione di un vecchio apparecchio sempre a biomassa oppure a gasolio, olio combustibile o carbone. Altro requisito richiesto è che il nuovo impianto non abbia una potenza superiore del 10% di quello precedente, salvo non venga documentato un maggior fabbisogno energetico.

Una moderna stufa economica

Un bel esemplare di termocucina

Modalità di rimborso

Il rimborso valutato in base a zone climatiche di appartenenza e caratteristiche della nuova stufa viene accreditato direttamente sul conto corrente dell’interessato entro 90 giorni dal montaggio dell’apparecchio in un’ unica soluzione se l’importo è inferiore a 5000 euro oppure in due rate annuali se l’importo eccede tale somma.

Entro e non oltre 60 giorni dalla fine dei lavori va inoltrata la domanda registrandosi sul portale termico GSE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *