Che cos’è un inserto a legna o a pellet

Un inserto a pellet

L’inserto a legna o pellet che sia altro non è che un monoblocco che solitamente viene inserito dentro un camino preesistente.

Riutilizzare il vostro vecchio focolare per inserire un inserto a legna o pellet per riscaldarci al di là di un costo iniziale impegnativo, che può far propendere per rimandare il suo acquisto, ha sicuramente dei vantaggi da non sottovalutare, a volte può essere veramente la soluzione ideale. Vediamo assieme alcuni punti.

Come dicevo prima l’inserto sia a legna che a pellet è fondamentalmente un focolare monoblocco autonomo, lo possiamo collocare in qualunque stanza della casa senza grossi problemi, è la soluzione giusta per chi non dispone di ambienti di grandi dimensioni ma non vuole rinunciare ad un focolare per implementare il suo impianto di riscaldamento, la rapidità di installazione gioca a favore dell’inserto non avendo bisogno di opere murarie particolari non si deve attendere la realizzazione, a volte lunga, di un caminetto tradizionale.

Qualunque modello o tipologia di inserto voi decidiate di prendere in considerazione o acquistare sia esso a pellet o a legna sarà completo di canna fumaria per lo scarico dei fumi così da poter essere installato seguendo le normative vigenti in materia di scarico fumi ed in totale sicurezza. È importante che gli inserti a legna o pellet vengano installati da personale qualificato e preparato sulla normativa dello scarico fumi a tetto.

Gli interventi di pulizia o di manutenzione ordinaria di un inserto a legna o pellet non sono particolarmente impegnativi oltre alla manutenzione annuale della canna fumaria, che Gli Spazzacamino di Manlio, vi effettueranno con la consueta professionalità a cui ormai siete abituati è necessario almeno un paio di volte la settimana, in base a quanto bruciate, raccogliere le ceneri così da permettere un combustione ottimale del pellet o della legna. Qui cominciano le prime differenze, fermo restando che la legna ha bisogno di spazio per essere stoccata ed essiccata, che comunque è polverosa, scomoda da trasportare e rilascia sempre residui, il pellet dalla sua sembra essere vincente, è racchiuso in sacchetti da 15 chilogrammi, non fa residui, si immagazzina in maniera decisamente più semplice ed infine è sufficiente inserirlo nel serbatoio del nostro inserto, sicuramente in un ambiente non particolarmente grande crea meno problemi.

Eleganti con design che fanno tendenza compatti così da occupare poco spazio, ma non rinunciano alla funzionalità è questo che oggi contraddistingue un inserto a pellet o a legna, che può tranquillamente essere inserito nella bocca di un camino già in essere, a differenza di quest’ultimo però l’inserto quando è acceso viene chiuso da uno sportello robusto, dotato di vetro in ceramica per resistere alle alte temperature così da poter vedere le fiamme. In questo modo il rendimento dell’inserto al legna o pellet aumenta di molto e diventa un’ottima soluzione per poter usufruire di una fonte di calore aggiuntiva in qualunque spazio abitativo. L’eliminazione delle dispersioni che si avrebbero dal condotto fumario senza lo sportello ci regala un risparmio economico ed un tepore sano.

Gli inserti a legna o pellet sono caratterizzati da un modesto consumo di combustibile, un buon inserto a legna, se ben manutenzionato, consuma circa 6/7 chilogrammi di legna ora ed è in grado di stiepidire un’abitazione di circa 80 metri quadrati garantendo grazie alle canalizzazioni una uniforme distribuzione del calore negli ambienti così da non avere alcune stanze roventi ed altre decisamente gelate, un inserto a pellet di contro presenta un consumo medio di uno max un sacco e mezzo giornaliero di pellet per riscaldare il medesimo volume abitativo. A favore dell’inserto a pellet dobbiamo ricordare la possibilità di effettuare tutta una serie di programmazioni che ci permetteranno di avere calore quando vogliamo senza dover intervenire direttamente ogni volta. Con i moderni impianti di domotica possiamo gestire il nostro inserto a pellet direttamente dallo smartphone, tornare a casa la sera e trovare il nostro inserto già acceso che ci accoglie.

Gli inserti a legna soprattutto sono dotati di camere di combustioni molto ampie, quando è possibile, questo per far si che sia possibile utilizzare le più disparate pezzature di legna, il risparmio spesso viene dal fatto che la legna più è tagliato grossolanamente meno costa. La legna a pezzatura piccola ha un costo decisamente maggiore ed un rendimento decisamente minore. Quando acquistate il vostro inserto valutate le dimensioni della bocca di fuoco, è un’altra fonte di risparmio economico.

Se le vostre finanze ve lo permettono, se quindi disponete di un budget medio alto la scelta del vostro inserto vedrà un ventaglio di candidati interessanti farsi avanti, avranno la capacità di integrarsi perfettamente con qualunque tipo di arredamento caratterizzi la vostra dimora ed i vostri gusti personali. Essi rappresentano la soluzione giusta per non rinunciare al fascino del camino e nel contempo godere del tepore che tradizionalmente sono in grado di emanare, la visione della fiamma che dallo sportello in vetroceramica mette allegria e scalda il cuore va perfettamente d’accordo con la moderna esigenza di avere una casa pulita senza fuoriuscita di fuliggine, polveri o caduta di tronchi incandescenti. Il suo essere inserto infine gli dona una maggiore autonomia nel controllo del fuoco e dell’inserimento del combustibile rispetto ad un camino tradizionale.

Gli inserti a pellet o legna sono disponibili in tantissime varianti che abbracciano tutti gli stili, dal classico, al rustico, al moderno, al contemporaneo, questo per potersi adattare perfettamente ad ogni ambiente abitativo e per poter trovare una degna collocazione in ogni casa, troverete sempre quello che si adatta meglio alle vostre esigenze economiche, il prezzo finale infatti può variare di molto in base al tipo di rivestimento scelto, la ghisa ad esempio fa lievitare di molto i prezzi è uno dei rivestimenti più cari in assoluto, a ruota per il costo troviamo i rivestimenti ceramici, anche qui tra colori modelli e stili c’è solo l’imbarazzo della scelta, gli acciai infine sono quelli che ci permettono di contenere i costi e negli ambienti con arredamenti moderni non stonano affatto. Concludendo possiamo dire che qualunque modello di inserto a legna o pellet, con qualunque rivestimento, che sia ghisa acciaio o ceramica per la sua intrinseca capacità di ottimizzare gli spazi e le sue potenzialità termiche riscalderà ed arrederà ogni nostro ambiente aiutandoci risparmiare un po’.

Alla fine come per le stufe non esiste un prodotto totalmente migliore di un altro, chi ha tempo e spazio può tranquillamente optare per un inserto a legna, con il quale troverà il massimo risparmio e grandi soddisfazioni. Per gli altri me compreso che la mattina partiamo presto e generalmente non sappiamo quando torniamo a casa la sera la soluzione dell’inserto a pellet è la migliore, se poi ci vogliamo levare lo sfizio la domotica oggi ci permette di fare una telefonata a casa ed accendere il nostro inserto anche se nell’abitazione non vi si trova nessuno.

Un inserto a legna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *