Il Formaggio Spazzacamino

Il formaggio dello Spazzacamino

Questa la volevo condividere con tutti voi che frequentate il nostro blog, l’ho scovata in rete cercando colleghi al nord con cui collaborare.

Cito testualmente:

“Il formaggio spazzacamino è un formaggio grasso a cagliata presamica ottenuto da latte vaccino. Di forma cilindrica diametro pari a circa 20/25 centimetri facce pressoché piane, scalzo e lievemente convesso di 5/6 centimetri. Questo formaggio viene immesso sul mercato a seguito di accurate verifiche di tutte le fasi produttive.”

Materie Prime

Il latte vaccino utilizzato deve provenire assolutamente ed unicamente da animali di razza Bruno Alpina e da allevamenti siti in Valle Vigezzo.

La mungitura vaccina

Mungitura

Metodiche di Trasformazione

Un’attenta ed approfondita analisi sulle tecniche tradizionali di caseificazione, ha permesso la messa a punto di un processo produttivo che rispetta i parametri tecnologici tipici di questo rinomato formaggio Vigezzino, che richiama al palato i formaggi erborinati dell’arco Alpino Piemontese.

Il processo di cagliata

Il processo di cagliata

Metodo di Stagionatura

Il formaggio viene commercializzato esclusivamente dopo un periodo di stagionatura non inferiore ai trenta giorni e dopo aver superato numerosi controlli.

La stagionatura del formaggio

Stagionatura di forme

Caratteristiche sensoriali

La crosta è naturale: La pasta è di colore paglierino fino a bianco latte, varianti queste legate all’alimentazione al pascolo. Consistenza pastosa morbida e fondente al palato. Occhiatura assente o presente in forma lieve. Sapore dolce e gradevole con sentore lievemente acidulo. Uso: come formaggio da tavola e quale componente di piatti tipici.

Non voglio comunicare il nome del caseificio per evitare di fare pubblicità occulta, lo potete trovare comunque in rete tra i caseifici della Val Vigezzo, la valle degli spazzacamino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *